facebook vkontakte e signs star-full

Acequide - 14cpr Riv 20mg+12,5mg - foglio illustrativo

Forma: Compresse rivestite divisibili
Principio attivo: Quinapril Cloridrato/Idroclorotiazide

Formulazioni

Acequide - 14cpr Riv 20mg+12,5mg

Categoria farmacoterapeutica

Prodotto di associazione tra il quinapril, un inibitore dell'enzima diconversione dell'angiotensine I in angiotensina II (ACE) e l'idroclor otiazide, sostanza ad attivita' diuretica appartenente alla classe chimica delle tiazidi.

A cosa serve

Trattamento dell'ipertensione in pazienti nei quali e' appropriato il trattamento combinato con ACE inibitore e diuretico.

Controindicazioni

Controindicato in pazienti con ipersensibilita' verso i singoli componenti del prodotto, inclusi i pazienti con storia di angioedema con altri ACE inibitori. Il prodotto e' controindicato inoltre in gravidanza e durante l'allattamento. Per la presenza di idroclorotiazide, e' controindicato in pazienti con anuria o ipersensibilita' verso altri farmaci solfamido-derivati.

Posologia

Nei pazienti non in terapia diuretica, la dose singola iniziale raccomandata e' di mezza compressa. La dose normale di mantenimento e' di una compressa al giorno. Se necessario, la dose puo' essere aumentata fino a due compresse una volta al giorno. Nei pazienti gia' in trattamento con un diuretico e' opportuno iniziare la terapia con una singola dose di 5 mg di quinapril, allo scopo di minimizzare il rischio di una ipotensione eccessiva, aggiustando poi la posologia fino ad ottenere la risposta ottimale. Se questa e' raggiunta con la stessa dose presente nell'associazione si puo' passare alla terapia con Acequide. Negli anziani la dose iniziale non deve contenere piu' di 5 mg di quinapril edeve essere attentamente stabilita dal medico. Acequide non deve esse re usato come terapia iniziale in pazienti con insufficienza renale lieve (clearance della creatinina 30-60 ml/min.), ma solo dopo titolazioni dei singoli componenti, impiegando come dose iniziale 5 mg di quinapril. Quando richiesta una terapia con quinapril associato ad un diuretico in pazienti con grave insufficienza renale (clearance della creatinina

Interazioni

AGENTI CHE AUMENTANO IL POTASSIO SERICO. Per la presenza di quinapril durante la terapia con Acequide non si raccomanda l'uso di diuretici risparmiatori di potassio, di supplementi di potassio o di sostituti del sale contenenti potassio, a causa del rischio di iperpotassiemia. TETRACICLINE. La somministrazione contemporanea di quinapril e tetracicline riduce l'assorbimento di quest'ultime del 28-37%. Questa interazione deve essere considerata in caso di terapia contemporanea con Acequide e tetracicline. LITIO. Aumentati livelli serici di litio e sintomi di tossicita' da litio sono stati osservati in pazienti trattati contemporaneamente con litio e ACE-inibitori o diuretici. Pertanto, duranteil trattamento concomitante con Acequide e sali di litio i livelli se rici di litio devono essere monitorati frequentemente. ALTRI FARMACI. Non sono state evidenziate interazioni clinicamente importanti con somministrazioni di quinapril congiuntamente a propranololo, digossina, warfarina e cimetidina. I seguenti farmaci possono interagire con i diuretici tiazidici: Alcool - Barbiturici - Narcotici: Puo' verificarsi un potenziamento dell'ipotensione ortostatica. Farmaci anti-diabetici (ipoglicemizzanti orali ed insulina): puo' essere richiesto un aggiustamento del loro dosaggio. Corticosteroidi - ACTH: Aumentata deplezione elettrolitica, in particolare ipokaliemia. Amine pressorie (ad esempionoradrenalina): Possibile diminuzione della risposta pressoria, tutta via non tale da precludere il loro uso. Rilassanti muscolari non depolarizzanti (ad esempio tubocurarina): Possibile aumento della risposta.Anti-infiammatori non steroidei: In alcuni pazienti la loro somminist razione puo' ridurre l'effetto diuretico, natriuretico e anti-ipertensivo dei tiazidici. Pertanto quando Acequide viene usato contemporaneamente ad anti-infiammatori non steroidei, il paziente dovra' essere osservato accuratamente per verificare l'effetto antiipertensivo di Acequide.

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali piu' frequentemente osservati nelle sperimentazioni cliniche controllate con questa associazione sono stati: cefalea(6,8%), capogiri (5,2%), tosse (3,3%) e affaticamento (3,0%). General mente tali effetti sono stati lievi e transitori. La sospensione dellaterapia per effetti indesiderati si e' resa necessaria nel 6,1% dei p azienti. Il motivo piu' comune della sospensione e' stata la tosse (1,2%), seguita dal mal di testa (0,7%) e da nausea e vomito (0,5%). Effetti indesiderati riportati da una minore percentuale di pazienti trattati in studi controllati con quinapril piu' idroclorotiazide e spesso con un'incidenza non superiore a quella osservata con placebo, sono stati: Sistema cardiovascolare: vasodilatazione, tachicardia, ipotensione, palpitazioni; Sistema gastrointestinale: nausea, vomito, dispepsia,flatulenza, diarrea, secchezza delle fauci, stitichezza. Sistema resp iratorio: infezioni delle alte vie aeree, bronchiti, riniti, faringiti, sinusiti, dispnea. Sistema nervoso: parestesie, nervosismo, sincope,insonnia, sonnolenza, vertigini. Sistema urogenitale: impotenza, infezioni urinarie, anormalita' urinarie, disuria, pollachiuria. Altre: mialgia, infezioni virali, dolori addominali, lombalgia, astenia, dolori toracici, malessere, artralgia, prurito, rash, edema periferico, febbre. Angioedema: angioedema e' stato osservato in pazienti trattati con ACE inibitori, compreso il quinapril. Nei casi nei quali si verifica stridore laringeo, edema del viso, della lingua e della glottide, l'angioedema puo' essere fatale. In tali casi il trattamento con Acequide deve essere sospeso immediatamente e il paziente deve essere trattato adeguatamente e tenuto sotto osservazione finche' l'edema non e' risolto. Nei casi nei quali l'edema e' limitato al viso e alle labbra, esso generalmente si risolve senza trattamento, sebbene gli antiistaminici siano utili nell'alleviare i sintomi. L'angioedema con interessamento della laringe puo' essere fatale e pertanto richiede la pronta instaurazione di una appropriata terapia, ad esempio con la somministrazione sottocutanea di 0,3-0,5 ml di una soluzine 1: 1000 di adrenalina. L'angioedema, incluso edema della laringe, puo' manifestarsi specialmente dopo la prima dose. I pazienti devono riferire immediatamente qualsiasi segno o sintomo che suggerisca l'angioedema (gonfiore del viso, degli occhi, delle labbra, della lingua, difficolta' nel respirare) e non assumere piu' il farmaco prima di avere consultato il medico. Ipotensione: I pazienti gia' in trattamento con diuretico possono sviluppare ipotensione sintomatica iniziando la terapia con Acequide. Nei pazientiin trattamento diuretico e' importante, se possibile, interrompere ta le trattamento parecchi giorni prima di assumere Acequide oppure, se questo non e' possibile, iniziare Acequide a bassa dose. L'ipotensione sintomatica, osservata raramente in pazienti ipertesi trattati con quinapril, e' una possibile conseguenza della terapia con ACE-inibitori anche in pazienti in dialisi. In generale, in pazienti sale/volume depleti, inclusi quelli con insufficienza cardiaca congestizia, la terapiadovrebbe iniziare sotto controllo medico e i pazienti dovrebbero esse re seguiti accuratamente per le prime due settimane di trattamento e ogni volta che il dosaggio dell'antiipertensivo viene aumentato. Se si verifica ipotensione sintomatica, il paziente deve essere posto in posizione supina e, se necessario, sottoposto a infusione endovenosa di soluzione fisiologica. Una transitoria risposta ipotensiva non e' una controindicazione al prosieguo della terapia; comunque se si verifica un tale evento deve essere presa in considerazione la diminuzione del dosaggio di Acequide. I pazienti devono riferire un'eventuale sensazione di testa vuota, specialmente nei primi giorni di terapia. Se si verifica una sincope, i pazienti devono sospendere il trattamento finche' non abbiano consultato il medico. L'eccessiva traspirazione e la disidratazione cosi' come il vomito e la diarrea possono favorire una eccessiva caduta della pressione arteriosa; in tal caso i pazienti devono consultare il medico. Neutropenia/agranulocitosi. Altri ACE-inibitori sono stati associati ad agranulocitosi e depressione midollare, raramente in pazienti non complicati, piu' frequentemente in pazienti con compromissione renale, specialmente in presenza di collagenopatie vascolari. Benche' non siano stati riportati casi di agranulocitosi attribuibili al quinapril, e' tuttavia opportuno eseguire controlli periodici del numero dei globuli bianchi nei pazienti con collagenopatia vascolare e/o nefropatia trattati con Acequide. I pazienti devono riferire prontamente al medico il verificarsi di ogni infezione (per esempio mal di gola o febbre) che non si risolva entro due o tre giorni. Parametri clinici di laboratorio. Dagli studi controllati e non controllati e' emerso quanto segue: Creatinina e azotemia: aumenti sopra i livelli normali furono osservati occasionalmente in alcuni pazienti trattati con Acequide. Questi aumenti si normalizzavano spesso proseguendo la terapia. Altri effetti indesiderati riportati con i singoli componenti di Acequide sono i seguenti: Quinapril: Angina pectoris, depressione, aumento traspirazione; Idroclorotiazide:Anoressia, irritazione gastrica, crampi, ittero colestatico intraepatico, pancreatite, scialoadenite, leucopenia, agranulocitosi, trombocitopenia, anemia aplastica e emolitica, spasmi muscolari, agitazione, insufficienza renale, disfunzione renale, nefrite interstiziale, xantopsia, porpora, fotosensibilita', orticaria, angioite necrotizzante (vasculite), difficolta' respiratorie, polmonite ed edema polmonare, reazioni anafilattiche. Effetti metabolici ed endocrini: I pazienti in terapia tiazidica devono essere monitorati per eventuali segni di alterazioni del bilancio idroelettrolitico incluse iponatriemia, alcalosi ipocloremica e ipokaliemia. Tuttavia, poiche' il quinapril riduce la produzione di aldosterone, la sua aggiunta al diuretico attenua la perdita di potassio, indotta da quest'ultimo. La determinazione degli elettroliti serici e urinari e' particolarmente importante in caso di vomito abbondante o trattamento con fluidi per via parenterale. Con Acequide non e' raccomandato l'uso di diuretici risparmiatori di potassio. I pazienti non devono usare sostituti delsale contenenti potassio senza consultare il medico. In alcuni pazien ti in terapia tiazidica si possono verificare iperuricemia o precipitazione della gotta. La combinazione con quinapril puo' attenuare l'effetto iperuricemico della idroclorotiazide. I tiazidici aumentano l'escrezione urinaria di magnesio, provocando ipomagnesiemia e riducono l'escrezione di calcio causando eventualmente intermittenti e lievi elevazioni del calcio serico anche in assenza di riconosciuti disordini del metabolismo del calcio.

Prezzo

Acequide - 14cpr Riv 20mg+12,5mg

Recordati Spa ~
  • Compresse rivestite divisibili • senza ricetta
    2.22€

Ricerche Correlate Acequide - 14cpr Riv 20mg+12,5mg

Accuretic - 14cpr Riv 20+12,5mg

Pfizer Italia Srl ~
  • Compresse rivestite divisibili • senza ricetta
    4.87€

Quinapril Id Eg - 14cpr20+12,5mg

Eg Spa ~
  • Compresse rivestite divisibili • senza ricetta
    2.22€

Quinapril Id My - 14cpr20+12,5mg

Mylan Spa ~
  • Compresse rivestite divisibili • permesso di prescrizione
    2.22€

Quinapril Id Sa - 14cpr20+12,5mg

Sandoz Spa ~
  • Compresse rivestite • senza ricetta
    2.22€

Quinapril Id Ze - 14cpr 20+12,5

Zentiva Italia Srl ~
  • Compresse rivestite divisibili • permesso di prescrizione
    2.22€

Quinazide - 14cpr Riv20mg+12,5mg

Malesci Spa Ist.Farmacobiol. ~
  • Compresse rivestite divisibili • permesso di prescrizione
    4.72€
Questo sito utilizza i cookie. Continuare a usare risorsa, accetti i termini e le politiche dell'elaborazione dei dati personali.