facebook vkontakte e signs star-full

Ampicill Sul Ibi - Fl 20ml 2g+1g - foglio illustrativo

Forma: Preparazione iniettabile
Principio attivo: Ampicillina/Sulbactam

Denominazione

AMPICILLINA E SULBACTAM IBI 2 G + 1 G

Formulazioni

Ampicill Sul Ibi - Fl 20ml 2g+1g Ampicill Sul Ibi - Fl100ml 2g+1g Ampicill Sul Ibi - 10fl20ml2g+1g Ampicill Sul Ibi - 10fl 100ml

Categoria farmacoterapeutica

Antibatterici beta-lattamici, penicilline.

Principio attivo

Ampicillina/Sulbactam.

Eccipienti

Non applicabile.

A cosa serve

L'uso del medicinale e' indicato per il trattamento delle infezioni causate da batteri sensibili ad ampicillina/sulbactam e resistenti alla monoterapia con ampicillina, quali: infezioni delle vie respiratorie superiori ed inferiori; infezioni dell'apparato urinario superiore ed inferiore, incluse le infezioni renali; infezioni intra-addominali; infezioni degli organi genitali; infezioni della pelle e dei tessuti molli; profilassi perioperatoria di infezioni gravi nella chirurgia intra-addominale. Nel prescrivere una terapia antibiotica si deve fare riferimento alle linee guida ufficiali sull'uso appropriato degli agenti antibatterici.

Controindicazioni

Ipersensibilita' all'ampicillina, al sulbactam, alle penicilline o ad uno qualsiasi degli eccipienti; infezioni causate da virus erpetici, nella mononucleosi infettiva e nella leucemia linfatica; ampicillina/sulbactam non deve essere somministrato per via intramuscolare ai neonati prematuri e a termine, ai lattanti e ai bambini fino a 2 anni di eta'; la somministrazione di ampicillina/sulbactam con lidocaina per iniezione intramuscolare e' controindicata durante la gravidanza e l'allattamento.

Posologia

Pazienti adulti e adolescenti (sopra i 40 kg): nei pazienti adulti la dose raccomandata varia da 3 g (2 g di ampicillina + 1 g di sulbactam)a 12 g (8 g di ampicillina + 4 g di sulbactam) somministrati giornalm ente in dosi divise ogni 8 o 6 ore. La somministrazione in dosi diviseogni 12 ore puo' essere presa in considerazione nel caso di infezioni lievi e di pazienti ambulatoriali. La scelta del dosaggio e dello sch ema di somministrazione dipendono dalla gravita' dell'infezione. Gravita' dell'infezione lieve: 3 g (2 g di ampicillina + 1 g di sulbactam) (IM). Gravita' dell'infezione moderata: Fino a 6 g (4 g di ampicillina+ 2 g di sulbactam) (IM/EV). Gravita' dell'infezione grave: fino a 12 g (8 g di ampicillina + 4 g di sulbactam) (IM/EV). Pazienti in eta' p ediatrica: per i bambini di eta' superiore a 2 anni la dose raccomandata e' 150 mg/kg/giorno (100 mg/kg/giorno di ampicillina + 50 mg/kg/giorno di sulbactam). La dose terapeutica deve essere somministrata in tre o quattro dosi uguali. Ampicillina/Sulbactam non deve essere somministrato per via intramuscolare ai neonati, ai lattanti e ai bambini fino a 2 anni di eta'. Ampicillina/Sulbactam deve essere somministrato esclusivamente per via endovenosa secondo le seguenti indicazioni: nei neonati dalla seconda settimana di vita in poi, lattanti e bambini finoa 2 anni la dose raccomandata e' 150 mg/kg/giorno (100 mg/kg/giorno d i ampicillina + 50 mg/kg/giorno di sulbactam). La dose terapeutica deve essere somministrata in tre o quattro dosi uguali; nei neonati nellaprima settimana di vita la dose raccomandata e' 75 mg/kg/giorno (corr ispondenti a 50 mg/kg/giorno di ampicillina + 25 mg/kg/giorno di sulbactam). La dose terapeutica deve essere somministrata in due dosi uguali - Nei neonati prematuri la dose raccomandata nelle prime quattro settimane e fino alla sesta settimana e' di 75 mg/kg/giorno (corrispondenti a 50 mg/kg/giorno di ampicillina + 25 mg/kg/giorno di sulbactam). La dose terapeutica deve essere somministrata in due dosi uguali Insufficienza renale. Nei pazienti con grave insufficienza renale la somministrazione di ampicillina e sulbactam deve essere stabilita e controllata e deve essere effettuata con una minore frequenza. Clcr >=30 ml/min: 6 h - 8 h intervallo tra le dosi raccomandato; clcr 15-29 ml/min: 12h intervallo tra le dosi raccomandato; clcr 5-14 ml/min: 24 h interva llo tra le dosi raccomandato. Clcr < 5 ml/min: 48 h intervallo tra le dosi raccomandato. Pazienti in dialisi: sulbactam ed ampicillina sono ugualmente eliminati dal sangue mediante emodialisi. Pertanto la somministrazione di Ampicillina/Sulbactam deve avvenire immediatamente dopola dialisi e in seguito ad intervalli di 48 ore fino alla dialisi suc cessiva. Profilassi perioperatoria di infezioni gravi nella chirurgia intra-addominale: per la profilassi delle infezioni chirurgiche devonoessere somministrati da 1,5 (1 g di ampicillina + 500 mg di sulbactam ) a 3 g (2 g di ampicillina + 1g di sulbactam) di Ampicillina/Sulbactam al momento dell'induzione dell'anestesia e il dosaggio deve essere ripetuto ogni 6 - 8 ore. La somministrazione di Ampicillina/Sulbactam viene generalmente terminata 24 ore dopo l'operazione, a meno che non sia indicato l'uso terapeutico. Dosaggio durante la gravidanza: si devefare attenzione poiche' la dose di ampicillina nel plasma delle donne in gravidanza diminuisce fino al 50%. Durata della somministrazione: il trattamento viene normalmente continuato fino a 48 ore dopo che la febbre e i segni anormali si sono risolti. Il trattamento viene generalmente somministrato da 5 a 14 giorni, ma puo' essere prolungato, oppure una dose aggiuntiva di ampicillina puo' essere somministrata in caso di infezioni molto gravi. La dose totale di sulbactam non deve superare i 4 g al giorno. Nel trattamento di infezioni da streptococchi beta-emolitici e' indicata una terapia di almeno 10 giorni in modo da prevenire complicazioni tardive (ad esempio, febbre reumatica, glomerulonefrite). Somministrazione: la combinazione di ampicillina e sulbactam puo' essere somministrata sia per via intramuscolare che per via endovenosa. Gli aminoglicosidi sono inattivati in vitro dall'ampicillina: quindi si deve evitare di mescolare gli aminoglicosidi con ampicillina e sulbactam nella soluzione da somministrare. Il limite di tempo fra due somministrazioni separate deve essere di almeno un'ora. Il sito di iniezione degli aminoglicosidi deve essere diverso da quello dell'Ampicillina e Sulbactam. I seguenti farmaci devono essere somministrati separatamente poiche' sono incompatibili con Ampicillina e Sulbactam: metronidazolo, derivati delle tetracicline, sodio tiopentale, prednisolone, procaina al 2%, suxametonio cloruro e noradrenalina. Uso endovenoso: ampicillina/sulbactam puo' essere ricostituito con acqua per preparazioni iniettabili o con soluzioni compatibili. Ampicillina/sulbactam puo' essere somministrato o in bolo per iniezione endovenosa in almeno3 minuti o come infusione endovenosa in 15-30 minuti. Uso intramuscol are: la polvere sterile puo' essere disciolta in acqua per preparazioni iniettabili o in una soluzione di lidocaina cloridrato 5 mg/ml (0,5%). Ampicillina e Sulbactam deve essere somministrato mediante iniezione intramuscolare profonda.

Conservazione

Questo medicinale non richiede alcuna precauzione particolare per la conservazione.

Avvertenze

Sono state riferite in pazienti trattati con penicilline reazioni anafilattiche gravi e talvolta fatali. Queste reazioni insorgono in soggetti con precedente ipersensibilita' alle penicilline e/o ad altri allergeni. Sono stati segnalati casi di soggetti con un'anamnesi positiva per ipersensibilita' alle penicilline che hanno manifestato gravi reazioni quando trattati con cefalosporine. Prima di iniziare un trattamento con una penicillina, si deve eseguire un'anamnesi accurata per evidenziare precedenti reazioni di ipersensibilita' alle penicilline, cefalosporine e altri farmaci. Se si verifica una reazione allergica, il trattamento deve essere sospeso e deve essere adottata una terapia appropriata. Le reazioni anafilattiche gravi richiedono un trattamento di emergenza con adrenalina. Inoltre, quando richiesto, e' necessario somministrare ossigeno, steroidi per via endovenosa e respirazione assistita, ivi inclusa l'intubazione. Essendo la mononucleosi una malattia virale, gli antibiotici della classe dell'ampicillina non devono essere somministrati ai pazienti con questa infezione. In una percentuale molto alta di pazienti affetti da mononucleosi, quando trattati con penicilline, si manifesta rash cutaneo. Come con molti altri antibiotici, la possibilita' di superinfezioni dovute ad organismi resistenti, inclusi i miceti, deve essere monitorata durante la terapia. In caso di superinfezione il farmaco deve essere sospeso e deve essere istituita unaterapia appropriata. Come per altri farmaci per uso sistemico, in cas o di terapia prolungata (piu' di una e fino a due settimane) si consiglia di monitorare periodicamente la funzionalita' dei principali sistemi e apparati, inclusi il sistema renale, il sistema epatico e il sistema ematopoietico. Il monitoraggio e' molto importante nei neonati, specialmente nei prematuri, e nelle altre eta' pediatriche. In pazienti con insufficienza renale, le cinetiche di eliminazione di ampicillina e sulbactam sono similmente influenzate, quindi il rapporto delle loroconcentrazioni plasmatiche rimane costante. In questi pazienti il dos aggio di ampicillina e sulbactam deve essere monitorato e somministrato con una minore frequenza, secondo la pratica usuale per l'ampicillina. Nel trattamento di pazienti che devono assumere una limitata quantita' di sodio, si deve considerare che la confezione da 2 g di ampicillina e 1 g di sulbactam contiene approssimativamente 230 mg (10 mmol) di sodio. In presenza di diarrea grave e persistente, deve essere valutata la possibilita' di colite pseudomembranosa correlata all'uso di antibiotici. Pertanto in tal caso la somministrazione di Ampicillina/Sulbactam deve essere immediatamente sospesa e deve essere adottata una terapia appropriata. E' controindicato in questi casi l'uso di farmaci inibitori della peristalsi. Nei neonati l'emivita dei due principi attivi e' prolungata ed e' approssimativamente 7,9 ore per il sulbactam e9,4 ore per l'ampicillina. In questi soggetti la dose terapeutica dev e essere somministrata in due dosi divise, secondo la pratica usuale per l'ampicillina. L'ampicillina riduce la fermentazione dei carboidrati a livello del colon ed una dieta ricca in carboidrati non assorbibili aumenta il rischio di diarrea associata agli antibiotici. Consultareun medico per conoscere quali sono le fonti di carboidrati non digeri bili.

Interazioni

Effetti di altri medicinali: l'acido acetilsalicilico, l'indometacina e il fenilbutazone diminuiscono l'escrezione delle penicilline. Allopurinolo: l'incidenza dei rash dovuti all'ampicillina e' aumentata dallasomministrazione concomitante di allopurinolo ed ampicillina. Non e' noto se il potenziamento dei casi di rash dell'ampicillina sia dovuto all'allopurinolo o all'iperuricemia presente in questi pazienti. Contraccettivi ormonali orali: l'uso concomitante di aminopenicilline e contraccettivi orali e' stato collegato alla possibilita' di una diminuzione dei livelli plasmatici degli estrogeni e del progesterone, e puo' ridurre l'efficacia dei contraccettivi ormonali. Le pazienti devono essere avvertite di usare misure contraccettive supplementari non-ormonali. Metotressato: la somministrazione concomitante di metotressato puo' abbassare la clearance renale del metotressato stesso e puo' dar luogo ad un aumento della sua tossicita'. I livelli sierici di metotressato devono essere strettamente monitorati. Altri antibiotici o chemioterapici: le aminopenicilline non devono essere usate in concomitanza con antibiotici batteriostatici. Esiste la possibilita' che l'azione antibatterica dell'amoxicillina sia antagonizzata nella co-somministrazione con macrolidi, tetracicline, sulfonamidi o cloramfenicolo. Gli aminoglicosidi sono inattivati in vitro dall'ampicillina: quindi si deve evitare di mescolare gli aminoglicosidi con ampicillina e sulbactam nella soluzione per l'infusione. Anticoagulanti: gli effetti degli anticoagulanti, come il warfarin, possono essere aumentati dall'uso concomitante di anticoagulanti cumarinici. Sono infatti stati osservati cambiamenti nell'aggregazione piastrinica e un prolungamento dei tempi di protrombina. Probenecid: il probenecid diminuisce la secrezione tubularerenale dell'ampicillina e sulbactam; di conseguenza l'uso concomitant e puo' risultare in un incremento e prolungamento delle concentrazionisieriche dell'ampicillina e sulbactam. Influenza sulle analisi di lab oratorio: un'alta concentrazione di ampicillina nelle urine puo' generare falsi positivi di glicosuria specialmente quando vengono usati il Clinitest, la Soluzione di Benedict o la Soluzione di Fehling. Si consiglia l'uso dei test del glucosio basati sulla reazione enzimatica di ossidazione del glucosio (Clinistix or Testape).

Effetti collaterali

Frequenze: molto comuni (> 1/10); comuni (> 1/100, 1/1000 1/10000,

Gravidanza e allattamento

Dati su un numero limitato di donne in gravidanza esposte, non indicano effetti avversi dell'Ampicillina e Sulbactam nella gravidanza o sulla salute del feto/neonato. Tuttavia, mancano i dati relativi all'assunzione del farmaco nel primo trimestre di esposizione. Non sono stati osservati effetti teratogeni durante gli esperimenti sugli animali. In gravidanza Ampicillina/Sulbactam non deve essere usato se non in caso di reale necessita'. L'ampicillina e il sulbactam vengono escreti nel latte umano. Sebbene l'escrezione di entrambi i farmaci sia bassa, neibambini allattati si possono verificare diarrea, infezioni fungine de lle mucose e sensibilizzazioni allergiche. Si deve decidere se continuare/interrompere l'allattamento o continuare/interrompere la terapia con Ampicillina/Sulbactam, tenendo in considerazione il beneficio dell'allattamento per il bambino ed il beneficio della terapia con Ampicillina/Sulbactam per la donna. Informazioni supplementari per la polvere per soluzione iniettabile per uso intramuscolare: ampicillina e sulbactam con lidocaina e' controindicato durante la gravidanza. Non sono disponibili studi clinici controllati e dati su donne in gravidanza. I dati sugli animali non rivelano effetti indesiderati sulla riproduzione. Negli studi sugli animali il trattamento con lidocaina ha mostrato alcune evidenze di cambiamenti neuro-comportamentali, ma non sono statiosservati effetti embriotossici e teratogeni. La lidocaina passa in p iccole quantita' nel latte. L'ampicillina e sulbactam con lidocaina e'controindicato durante l'allattamento.

Prezzo

Ampicill Sul Ibi - Fl 20ml 2g+1g

I.B.I.Giovanni Lorenzini Spa ~
  • Preparazione iniettabile • permesso di prescrizione
    4.36€

Ricerche Correlate Ampicill Sul Ibi - Fl 20ml 2g+1g

Ampicill Sul Ibi - 10fl 100ml

I.B.I.Giovanni Lorenzini Spa ~
  • Preparazione iniettabile • senza ricetta
    39.35€

Ampicill Sul Ibi - 10fl 20ml

I.B.I.Giovanni Lorenzini Spa ~
  • Preparazione iniettabile • permesso di prescrizione
    22.84€

Ampicill Sul Ibi - 10fl 50ml

I.B.I.Giovanni Lorenzini Spa ~
  • Preparazione iniettabile • permesso di prescrizione
    22.84€

Ampicill Sul Ibi - 10fl20ml2g+1g

I.B.I.Giovanni Lorenzini Spa ~
  • Polvere per soluzione iniettabile • senza ricetta
    39.35€

Ampicill Sul Ibi - 1g+500mg/3,2m

I.B.I.Giovanni Lorenzini Spa ~
  • Polvere e solvente per soluzione iniettabile • senza ricetta
    3.04€

Ampicill Sul Ibi - 50ml 1g+500mg

I.B.I.Giovanni Lorenzini Spa ~
  • Preparazione iniettabile • senza ricetta
    2.53€

Ampicill Sul Ibi - Fl100ml 2g+1g

I.B.I.Giovanni Lorenzini Spa ~
  • Polvere per soluzione iniettabile • permesso di prescrizione
    4.36€

Ampicill Sul Ibi - Fl500mg+250mg

I.B.I.Giovanni Lorenzini Spa ~
  • Polvere e solvente per soluzione iniettabile • permesso di prescrizione
    2.19€
Questo sito utilizza i cookie. Continuare a usare risorsa, accetti i termini e le politiche dell'elaborazione dei dati personali.